Segni liquidi. Personale di Andrea Dami - Visit Pistoia

3 Settembre / 9 Ottobre
 

Segni liquidi. Personale di Andrea Dami

Pistoia, Sale Affrescate del Palazzo Comunale
 

Home / Eventi / Segni liquidi. Personale di Andrea Dami

3 Settembre
9 Ottobre
Sale Affrescate del Palazzo Comunale
Piazza Duomo
Pistoia, 51100 Italia
Caricamento Eventi

Segni liquidi. Personale di Andrea Dami

Dal 3 settembre al 9 ottobre, nelle Sale Affrescate del Palazzo Comunale di Pistoia, Segni liquidi. Personale di Andrea Dami.

Segni liquidi raccoglie oltre trenta opere, tra quadri e installazioni. Molte sono state realizzate dall’artista con una “penna-pennello-matita” su un piano elettronico e stampati (a getto d’inchiostro) su fogli di carta usomano bianca e avorio, tecnica che si aggiunge a quelle tradizionali come l’incisione, la litografia, la xilografia e la serigrafia. Opere realizzate in un esemplare unico, “frutto di pensieri che a loro volta producono pensiero”.

Andrea Dami nasce a Pistoia il 25 settembre del 1946. Frequenta l’Istituto d’Arte Petrocchi della sua città e dal 1966 si dedica all’insegnamento di educazione artistica. Dal 1965 inizia la sua partecipazione a mostre collettive e personali, ma negli anni Novanta la sua attività espositiva diventa più feconda.
Risalgono alla fine degli anni Novanta le sculture sonanti: Sogno, Quattro Stagioni, Menhir, esposte a Pistoia, Pisa, Perugia e alla Stazione di Santa Maria Novella a Firenze, e L’ala dell’angelo, scultura sonante in ferro esposta e suonata nello “Spazio-teatro” della Fattoria di Celle di Pistoia, in occasione della Cerimonia del tè di Dani Karavan. Nel 2012 presenta, alla Villa Castello di Smilea a Montale, l’opera video Riflessi liquidi dedicata al centenario della nascita di John Cage. Riflessi Liquidi è una fusione di immagini, parole e suoni, ottenuti con le sculture musicali, suoni elettronici e rumori ambientali.

Orari

Dal martedì alla domenica ore 9-13 e 15-18. Dal primo ottobre dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17.

Info

+39 0573 371238

Photo: Panta rei, di Andrea Dami